L’ISTINTO, IL DESIDERIO, IL BISOGNO; LA FEDE, LA SPERANZA E L’IRONIA

Possiamo anche intendere la fede, la speranza, l’ironia (o la carità), come modalità della strategia di evitamento della rappresentazione dell’oggetto? Modi, dunque, per preservarne intatte le virtù, per preservarlo nella parola, per mantenerlo ingaggiato nella logica della nominazione, per considerarlo nella sua tripartizione?…

Scarica in PDF

L’istinto, il desiderio, il bisogno, la fede, la speranza, l’ironia